News

Birra dell’anno 2019: i vincitori per categoria.

by Andrea Drudi |26/02/2019 |0 Comments | News

Anche quest’anno a Rimini dal 16 al 19 Febbraio si è svolto il BEER ATTRACTION, fiera internazionale dedicata alle specialità birrarie, birre artigianali, bevande e food per il canale Horeca. All’interno della manifestazione si svolge il concorso “BIRRA DELL’ANNO” organizzata da UNIONBIRRAI ed arrivato alla XIV edizione. Il concorso  premia le migliori Birre Artigianali Italiane e ha visto per questa edizione 41 categorie stilistiche in cui sono state iscritte 1994 birre  giudicate da una giuria di esperti provenienti da tutto il mondo. Vediamo insieme i vincitori:

 

Cat. 1 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione tedesca e ceca

(German e Bohemian Pilsner)

1- Hammer – BUNDES

2- Birrificio Lariano – LA GRIGNA

3- Birrificio Otus – PILS2

4- Mostodolce – PEPITA

5- Birrificio Couture – VOGUE PILS

 

Cat. 2 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione europea

(European Lager, Helles, Zwickl, Keller, Dortmunder Export)

1- Birrificio Mukkeller – HAUS BIER

2- Birrificio Estense – ATHESTE HELL

3- Birrificio 4Mori – POZZO 16

4- ANBRA Anonima Brasseria Aquilana – LAGER

5- Oxiana – KELLER

 

Cat. 3 – Birre chiare ed ambrate, bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dall’evidente presenza di luppolo d’aroma e d’amaro di ispirazione americana

(Hoppy Lager, Imperial Hoppy Lager)

1- Birrificio Lariano – BASSA MAREA

2- Birrificio Legnone – JACK

3- 50&50 – MR. CROCODILE

 

Cat 4 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, basso grado alcolico di ispirazione anglosassone

(English Golden Ale, English Pale Ale)

1- Brùton – BRÙTON DI BRÙTON

2- Croce di Malto – BIRRA JAZZ BJ

3- BSA Birrificio S. Andrea – MOZKITO

4- P3 Brewing Company – SPEED

5- PLB Podere La Berta Craft Beer – UP&UNDER

 

Cat. 5 – Birre chiare e ambrate, fermentazione ibrida, basso grado alcolico di ispirazione tedesca o americana

(Kolsch, Alt, California Common, Cream Ale)

1- MFB Manifattura Birre Bologna – KOLSCH

2- Diciottozerouno – GRÜN

3- Birra Elvo – ALTERELVO

4- Birrificio 61cento – ELK

5- Birra Gaia – EUROPA

 

Cat. 6 – Birre ambrate e scure, bassa fermentazione, basso grado alcolico d’ispirazione tedesca

(Vienna, Marzen, Munich Dunkel, Schwarz, Dark Lager)

1- PicoBrew – SCHWARZENEGHER

2- Hammer – WORKPIECE SCHWARZ

3- Birrificio Leder – CIOCH

4- Birrificio Aleghe – LA ROSSA

5- Birra Elvo – DUNKEL

 

Cat. 7 – Birre chiare, ambrate e scure, bassa fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione tedesca

(Bock, Doppelbock, Eisbock, Hellerbock, Maibock, Strong Lager)

1- Birra Elvo – DOPPEL BOCK

2- Ritual Lab – LA BOCK

3- Brew Gruff – BOCK

4- Birrificio Serra Storta – ZANTE

5- Statalenove – ALMAMATER

 

Cat. 8 – Birre ambrate, alta fermentazione, basso e medio grado alcolico, di ispirazione britannica

(Mild, British Bitter, Extra Special Bitter, Irish Red Ale, British Brown Ale)

1- Birrificio War – ZELDA

2- Fabbrica della Birra Perugia – COSMO ROSSO

3- Piccolo Birrificio Clandestino – SANTA GIULIA

4- Birrificio Gambolò – LITTLE STORM

5- Birrificio Otus – RED&GO

 

Cat. 9 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, basso/medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione anglosassone

(English IPA)

1- P3 Brewing Company – 50 NODI

2- Fabbrica della Birra Perugia – SUBURBIA

3- Terrantiga – NIBARI

4- Il Birrificio di Seregno – JANKA

5- Ofelia – AMITABH

 

Cat 10 – Chiare, ambrate e scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Session APA, Session AIPA, Session IPA)

1- Ritual Lab – NERD CHOICE

2- Lucky Brews – SESSION IPA

3- Hammer – MINI

4- Birrificio Mezzavia – LINE UP

 

Cat. 11 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, basso grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana (American Pale Ale)

1- Birrificio Artigianale La Villana – RUDE

2- Birrificio del Forte – FIOR DI NOPPOLO

3- Fabbrica della Birra Perugia – CALIBRO 7

4- Birrificio Il Conte Gelo – HOP CIRCUS

5- Birrificio dei Castelli – MIRABILIA

 

Cat. 12 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana

(American IPA)

1- Birrificio del Gomito – MATTY

2- Malaspina Brewing – ELLE8

3- Oldo Corte della Birra – BALLO IPA

 

Cat. 13 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Double IPA, Imperial IPA)

1- Hammer – WORKPIECE – WEST COAST DOUBLE IPA

2- Birrificio Porta Bruciata – LARKIN STREET

3- Birrificio Lariano – CIUBE

 

Cat. 14 – Birre chiare, alta fermentazione, basso e medio grado alcolico, con uso di frumento ed altri cereali, luppolate di ispirazione angloamericana (White IPA. American Wheat)

1- BirrificIo Forum Iulii – CARAT

2- Birrificio Porta Bruciata – SHANTUNG

3- Birrificio Badalà – W.IPA

 

Cat. 15 – Birre ambrate e scure, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Red IPA, Brown IPA, Black IPA)

1- Simon & Co. Brewery – FRANKIE & GERRY

2- Piccolo Birrificio Clandestino – GATTA NERA

3- Birrificio dei Castelli – EXTREMA NIGER

4- White Dog Brewery – DJANGO SGUINZAGLIATO

 

Cat. 16 – Birre chiare, ambrate e scure, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Speciality IPA; Rye IPA, Belgian IPA, AIPA e APA fermentate a bassa)

1- Almond’22 – PINK IPA ANNIVERSARIO

2- Croce di Malto – ACRUX

3- Birrificio bio La Stecciaia – RYE IPA

4- Mastri Birrai Umbri – HARVEST IPA

5- Birrificio Il Conte Gelo – VALHALLA

 

Cat. 17 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, massicciamente luppolate in aroma, di ispirazione statunitense

(New England IPA)

1- MC77 – BOWTIE

2- MC77 – VELVET SUIT

3- CRAK Brewery – MIDNIGHT BBQ

4- CRAK Brewery – SMALL NEIPA

5- Mister B Brewery – BAMBA

 

Cat. 18 – Strong Ale di ispirazione angloamericana

(English Strong Ale, American Strong Ale, Scottish Ale export, Heavy Scottish Ale)

1- Birra 100Venti – SIR ALESTRONG

2- Birra Gaia – LA GORDA

3- Okorei Microbirrificio – TRAMALTI

3- Birrificio Baladin – SUPER BITTER

4- Birrificio Rurale – WILLIE

5- Birrificio Mezzopasso – MILLICAN EXTRA

 

Cat. 19 – Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, d’ispirazione anglosassone

(Porter, Stout)

1- Birrificio Geco – PECORA NERA

2- Birrificio Babylon – SHINOBI STOUT

3- Birrificio Mediterraneo – PORTER

 

Cat. 20 – Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico di ispirazione americana

(American Porter, American Stout)

1- Birrificio Mukkeller – CORVA NERA

2- BiFOR – ICARO

3- La Spezia Brewing Company – SCURIOSA

4- Birrificio Math –  LA 27

5- Hammer – BULK

 

Cat. 21 – Scure, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione angloamericana

(Robust/Baltic Porter, Imperial Porter, Russian Imperial Stout)

1- Rebel’s Brewery – BLACK VIKING

2- La Buttiga Craft Brewery – BLACK SHIT MONSTER

3- Birrificio Mazapegul – BEFANA BEFANA

4- Birrificio Mezzavia – NAUTILUS

5- P3 Brewing Company – TURKUNARA

 

Cat. 22 – Alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione angloamericana

(Barley Wine, Old Ale, American Barley Wine)

1- CRAK Brewery – CANTINA MANSUETO

2- Birrificio Baladin – XYAUYÙ KENTUCKY

3- Birrificio Gambolò – DARK AGE

4- Il Birrificio di Cagliari – EMILY

5- Birrificio la Fenice – LUSSURIA RISERVA

 

Cat. 23 – Birre chiare, ambrate e scure, alta fermentazion con lievito Weizen, uso di frumento maltato, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione tedesca (Weizen, Dunkelweizen, Weizenbock)

1- Birrificio Val Rendena – BRENTA BRAÜ WEIZEN

2- Birrificio Birracruda – WEIZEN

3- Birrificio Mukkeller – ENTSCHULDIGUNG

4- Birrificio Manerba – WEIZEN

5- Zuker – RIVINCITA

 

Cat. 24 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico, con uso di frumento non maltato, di ispirazione belga (Blanche, Witbier)

1- La Petrognola – MONTEFIORE

2- Birrificio del Forte – CENTO VOLTE FORTE

3- Il Mastio – LITHA

4- Birrificio Serra Storta – ROSMARY

 

Cat. 25 – Birre chiare, alta fermentazione, bassa gradazione alcolica, di ispirazione belga (Belgian Blond, Belgian Pale Ale)

1- Realmalto – BRUGGIA

2- Birrificio Mazapegul – PIRATA

3- Birrificio dei Laghi – BPM

4- La Petrognola – GIUSTA

 

Cat. 26 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, di ispirazione belga

(Saison, Biere de Garde, Farmhouse Ale)

1- El Issor – CITRUS

2- Birrificio dell’Aspide – WILD SAISON LAMBICUS

3- Birrificio dell’Aspide – BELLE SAISON

 

Cat. 27 – Birre chiare, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione belga (Belgian Golden Strong Ale, Tripel)

1- Monangi Brew Pub – MILVA

2- Croce di Malto – TRIPLEXXX

3- El Issor – GNASCI

4- B94 – SANTIRENE

5- Diciottozerouno – PLAID

 

Cat. 28 – Birre scure, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione belga (Belgian Dark Strong Ale, Dubbel, Quadrupel)

1- Birrificio Mukkeller – MUKKAMANNARA

2- Diciottozerouno – GRANATA

3- La Spezia Brewing Company – ABBEY

4- Birrificio del Forte – REGINA DEL MARE

5- Gargantua – GARGANTUA

 

Cat. 29 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di spezie

1- MC77 – FLEUR SOFRONIA

2- Bionoc’ – MISS LIKÈN

3- La Buttiga Craft Brewery – BON NADAL

4- Foglie d’Erba – NADAL 2018

5- Foglie d’Erba – ZAFFEER

 

Cat. 30 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di caffè e/o cacao

1- Birrificio Lambrate – TIRAMISÙ IMPERIAL STOUT

2- Birrificio Agricolo The Lure – QUEEN

3- Brewfist – SPAGHETTI WESTERN

4- Eastside Brewing – SLEEPLESS NIGHT

5- Mastri Birrai Umbri – CACAO PORTER

 

Cat. 31 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di cereali speciali (compresi grani antichi)

1- Croce di Malto – PIEDI NERI

2- Terrantiga – ISTADI

3- La Petrognola – CINGHIALE NERO

4- Birrificio bio La Stecciaia – COCÒ

5- Birrificio Birranova – ARSA

 

Cat. 32 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico affumicate e torbate

1- Birrificio Rurale – SMOKY

2- Birrificio Artigianale Lievito & Nuvole – SMOKY EYE

3- Statalenove – PREDA

4- Birrificio Artigianale Lilium – TOSCANELLA

5- Batzen – SMOKY BOCK

 

Cat. 33 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico affinate in legno

1- Birrificio Lambrate – BRIGHELLA BA 2016

2- Birrificio Lambrate – #1 IMPERIAL STOUT BOURBON 2016

3- CRAK Brewery – CANTINA BW01

4- ECB Eternal City Brewing – FOJETTA

5- Birrificio Baladin – XYAUYÙ FUMÈ

 

Cat. 34 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso frutta

1- Eastside Brewing – SOUR SIDE SOUR CHERRY

2- CRAK Brewery – CANTINA MIRTILLI

3- Birra dell’Eremo – MADUE

4- Birrificio Lariano – FAMBRUS

 

Cat. 35 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di castagne

1- PicoBrew – MARRON FUMÈ

2- Mostodolce – B626

3- Birrificio Aleghe – LA BRUSATÀ

4- Birrificio del Vulture – DRUDA

5- Dulac – LA MARÓN

 

Cat. 36 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di miele

1- Birrificio Artigianale Fortebraccio – BIRRA DEL BOSCO CASTAGNE E MIELE

2- Birrificio del Forte – CINTURA D’ORIONE

3- JEB –  MAJA (SPRING EDITION)

4- Birrificio Agricolo La Diana – ESTER

 

Cat. 37 – Birre chiare, ambrate e scure, fermentazione alta, bassa o spontanea anche con uso di Brettanomyces, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dalle note acide (Sour Ale)

1- Bionoc’ – MARASKA

2- Ca’ del Brado – ANNIVERSARIO 2018

3- Ca’ del Brado – NESSUN DORMA

4- Bionoc’ – IMPOMBERA

5- Fabbrica della Birra Perugia – ISTERICA

 

Cat. 38 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico salate e/o lattiche di ispirazione tedesca

(Berliner, Gose)

1- Mister B Brewery – BAHIA

2- Evoqe Brewing – EVOQESOUR #1

3- Birrificio Lambrate – TRAS IN CAMISA ASS

4- Foglie d’Erba – VIVA LA’!

5- Birrificio 61cento – KAFKA

6- Hammer – HIRSCH

 

Cat. 39 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve bianche (White Italian Grape Ale)

1- Birrificio Apuano – NINKASI

2- Birra dell’Eremo – SELVA 2018

3- Birrificio Karma – ASPRINIA

4- Birrificio Un Terzo – SCIATÒ MARGOT

5- Birrificio Sagrin – SAMOS

 

Cat. 40 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve rosse (Red Italian Grape Ale)

1- Birrificio La Fenice – BREWINE ROSE’

2- Birrificio del Forte – IL TRALCIO

3- Dulac – LA MURÙSA

4- Birrificio Beer In – BRAMABIRRA

5- Birrificio Beer In – QUAT BOT

 

Cat. 41 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione libera e non rientranti in nessuna delle precedenti categorie (Extraordinary Ale / Extraordinary Lager)

1- Magester – LA PEPATA

2- Birrificio Lambrate – HAZELNUT PORTER

3- Ofelia – BEERGAMOTTE

4- Birra dell’Eremo – GENESI

5- Birrificio Carrobiolo – PORCINI IMPERIAL STOUT

 

PREMIO BIRRIFICIO DELL’ANNO 2019:  BIRRIFICIO MUKKELLER

 

Fonte: UNIONBIRRAI

#NONCONVENTIONALYEAST SERIES

by Andrea Drudi |14/02/2019 |0 Comments | News | , , , ,

A distanza di due anni dall’uscita nel mercato delle 3 birre del progetto non conventional yeast, abbiamo deciso di continuare a rompere gli schemi.

Superata la fase “didattica” in cui si è puntato ad evidenziare le differenze organolettiche dell’apporto dei diversi lieviti, si è passati ad utilizzarli per la produzione di stili di birra classici.

Ecco dunque la nuova NON-CONVENTIONAL YEAST SERIES: una linea che propone birre dalla alta bevibilità, caratterizzate dall’uso di lieviti non convenzionali per la fermentazione primaria.

Lunedì 11 Febbraio presso la Sviluppo Horeca Factory di Roma è stato presentato in anteprima alla stampa e a pochi fortunati appassionati il progetto composto per l’appunto da 3 birre:

DUME – non-conventional blood orange wheat ale

Il lievito Torulaspora delbrueckii ha evidenziato una buona attenuazione, una produzione di schiuma eccellente e una esterificazione molto buona che vira verso note di frutta matura e floreali molto fini. Si è deciso di produrre con esso una birra di frumento con l’aggiunta di succo di arancia rossa italiana (più di 100 g/L) per dare carattere e unicità al prodotto.

TALIA – non-conventional saison

Prodotta con il Wickerhamomyces anomalus, lievito che si è contraddistinto nel corso del primo progetto per un’ottima attenuazione e note aromatiche da esterificazione tipiche delle saison classiche, come il pepe ed un sentore di limone molto intenso e pronunciato. Ne è nata una Saison, impreziosita dall’aggiunta non invasiva di camomilla e zest di limone .

MADUE – non-conventional passion fruit sour ale

E’ la prima nata, brassata con Kluyveromyces thermotolerans. Questo lievito ha la caratteristica di produrre acido lattico durante la fermentazione primaria. Si è creata così una sour ale senza utilizzo di batteri lattici o altri microrganismi che possono “inquinare” l’impianto produttivo, creando un’acidità elegante e fine. A questa è stata aggiunto il passion fruit in polpa, per enfatizzare l’acidità e creare una birra di carattere.

KORA – non-conventional gose w/Ibisco

Come per la MADUE si è ricorso al lievito Kluyveromyces thermotolerans per questa Gose, tipico stile di Lipsia nella cui ricetta classica è prevista l’aggiunta di sale, coriandolo e lactobacilli. In questo caso i batteri lattici risultano superflui in quanto l’acido lattico è una conseguenza naturale dell’utilizzo di questo ceppo di lievito. Viene utilizzato invece fior di sale italiano, coriando e Ibisco. Quest’ultimo dona note floreali intense che vanno a creare un profilo organolettico originale ed un colore “rosa” molto accattivante

GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO #NONCONVENTIONALYEASTS SERIES CON ANDREA TURCO (WWW.CRONACHEDIBIRRA.IT) E SALVATORE COSENZA (UDB) E IL NOSTRO BIRRAIO ENRICO CIANI!

Cultura birraria e geografia: regioni reali o immaginarie legate alla birra

by Andrea Drudi |12/09/2017 |0 Comments | News

Ammettiamolo: se non fosse stato per la birra, non avremmo mai acquisito alcune nozioni relative ad altri settori. Ad esempio rimango sempre affascinato dalle conoscenze geografiche che mi ha regalato la nostra bevanda: esistono città o regioni che non avrei mai conosciuto, se non avessi approfondito la storia della birra e il suo legame con alcune culture locali. Oggi chiunque apprezzi le fermentazioni spontanee avrà sicuramente sentito nominare il Pajottenland; dubito però che lo conosca chi non condivide la stessa passione. In quanto beer lover sentiamo spesso parlare di Franconia, di New England o di Cascadia, ma poco sappiamo sulle reali caratteristiche di queste regioni. Alcune esistono da un punto di vista amministrativo, altre sono solo immaginarie. Alcune si estendono per centinaia di chilometri, altre sono circoscritte a un territorio molto ristretto. Ecco allora cinque profili di altrettante regioni famose per la birra, ma che difficilmente troviamo sui libri di geografia.

Franconia (Germania)

Cominciamo dalla regione tedesca famosa per le sue birre affumicate e per conservare le antichissime tradizioni della cultura brassicola locale. Saprete chiaramente che la Franconia si trova in Germania, ma dove esattamente? In linea di massima può essere considerata la parte più settentrionale della Baviera, ma in realtà i suoi confini non sono ben definiti. Non è considerata infatti un’unità in senso politico o amministrativo, tanto che si estende ben oltre i limiti del suo Land di appartenenza: è costituita non solo dalle tre circoscrizioni bavaresi UnterfrankenOberfranken e Mittelfranken (rispettivamente Bassa, Alta e Media Franconia), ma anche da un parte del circondario di Eichstatt, dai circondari della Turingia meridionale e da due regioni del Baden-Wurttemberg. In senso più ampio, dunque, è una regione immaginaria, definita attraverso il dialetto, il suo stemma bianco e rosso e persino le chiese, che hanno tetti dalla forma più appuntita rispetto a quelli del resto della Baviera.

Oltre a essere la regione con la più alta concentrazione di birrifici al mondo (in rapporto alla sua estensione), la Franconia è un luogo dal grande fascino. Il centro economico e culturale è Norimberga, situata nella Media Franconia e abitata da mezzo milione di persone. Possiede un aeroporto internazionale, motivo per cui un viaggio in Franconia comincia facilmente da Norimberga. Ma è impossibile non citare anche Bamberga (poco meno di 70.000 abitanti), fondamentale per la storia culturale e brassicola dell’intera regione. In questi anni ho scritto spesso di Bamberga, quindi è inutile ricordare perché è così attrattiva (o dovrebbe esserlo) per tutti gli appassionati di birra. In questa sede ricordo semplicemente che lo splendido centro storico è stato decretato dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Concludiamo la parte sulla Franconia ricordando che non sono rare le istanze di autonomia dalla Baviera: a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 furono raccolte abbastanza firme per l’indipendenza, che però non venne concessa.

Pajottenland (Belgio)

Difficilmente sapremmo che al mondo esiste una regione con questo nome se non esistesse il Lambic, la birra a fermentazione spontanea tipica di una parte del Belgio. Il Pajottenland (ma si può scrivere anche Payottenland) è un territorio agricolo molto fertile, situato a sudovest di Bruxelles tra i fiumi Senne e Dendre, nel Brabante fiammingo. In realtà include anche l’hinterland della capitale, poiché comprende una parte dell’agglomerato urbano di Anderlecht. Come per la Franconia, anche i confini del Pajottenland non sono stabiliti in maniera precisa: alcune definizioni abbracciano anche i territori dei comuni di Affligem, Asse e Denderleeuw. È un regione dalla superficie piuttosto contenuta e proprio questo elemento rende ancora più esclusivo il Lambic e gli altri stili da esso derivanti.

Ovviamente non esistono grandi centri abitati nel Pajottenland. Tra i più importanti, anche per motivi birrari, vanno menzionati Sint-Pieters-Leeuw, Lembeek (da cui deriva il nome della birra a fermentazione spontanea), Beersel, Lot, Dworp, Liedekerke e Halle. Il territorio è quasi esclusivamente pianeggiante e il panorama decisamente rurale. I suoi luoghi (e la vita dei suoi abitanti) sono stati ritratti nelle opere di Peter Bruegel Il Vecchio. È chiaro che per visitare questa zona basta avere come base Bruxelles: dalla capitale ci si può muovere in macchina o anche in pullman.

Alto Palatinato (Germania)

Torniamo in Germania, anzi in Baviera, per parlare del distretto dell’Alto Palatinato (Bezirk Oberpfalz). Può essere considerato il corrispettivo di una provincia italiana e si estende nella parte più orientale del land bavarese, toccando gran parte dei confini meridionali con la Repubblica Ceca. Storicamente corrisponde al Nordgau, una parte dell’antico ducato di Baviera. Non ci sono molte informazioni in più su questa regione, ma andava necessariamente citata perché patria dello Zoigl, l’ancestrale birra “collettiva” di quella parte di Germania. Personalmente ho potuto assaggiarla nel villaggio di Windischeschenbach (poco più di 5.000 abitanti), ma sul sito dello Zoigl sono riportati altri quattro comuni in cui è ancora in vita questa antichissima usanza: Mitterteich (circa 7.000 abitanti), Falkenberg (meno di 1.000 abitanti), Eslarn (circa 3.000 abitanti) e Neuhaus. Per raggiungerla non ci sono molte alternative all’automobile.

New England (Stati Uniti)

Il New England è salito alle cronache birrarie grazie all’ascesa delle IPA torbide che portano il suo nome, tuttavia è una regione molto conosciuta anche al di là dell’aspetto birrario – ad esempio vi dicono nulla i New England Patriots? È formato da sei stati, che occupano la parte più settentrionale della East Coast americana: MaineNew HampshireMassachusettsVermontConnecticut e Rhode Island. È una zona con una forte identità, derivante da motivi storici, geografici, economici e culturali. Fu la prima regione degli Stati Uniti a definirsi in quanto tale, rappresentò la culla della letteratura e della filosofia americana e il primo luogo al di là dell’Atlantico in cui si manifestarono gli effetti della rivoluzione industriale. Il clima è peculiare: continentale in termini di temperature, oceanico per le abbondanti precipitazioni e le tempeste marittime.

La città principale è Boston, con più di 600.000 abitanti, e le altre non superano i 200.000. Ciononostante è una regione densamente popolata, con tre stati che entrano nella Top 4 del Nord America in questa speciale classifica. Politicamente il New England è piuttosto all’avanguardia sui temi sociali, almeno in confronto al resto degli Stati Uniti. Da un punto di vista birrario il Vermont è la realtà più interessante, ma anche il resto della regione non è da meno.

Cascadia (Nord America)

Restiamo in Nord America per concludere con la Cascadia (anche chiamata Regione del Pacifico), che in parte coincide con il Pacific Northwest. Da un punto di vista brassicolo è diventata famosa con il momentaneo successo delle Cascadian Dark Ale e, prima ancora, con la diffusione del famoso luppolo Cascade. Non esiste da un punto di vista amministrativo: è bensì una regione immaginaria che comprende gli stati di Oregon e Washington e la provincia canadese della Columbia Britannica. In realtà si estenderebbe oltre questi confini finendo per inglobare parte dell’Idaho, del Montana occidentale, del Wyoming, dello Utah, del Nevada e persino dell’Alaska. Anche in questo caso esiste un’identità molto forte, tanto che ne è stata chiesta più volte l’indipendenza da parte del partito politico che ne cura gli interessi. Le tre città principali sono Seattle (Washington), Portland (Oregon) e Vancouver (Columbia Britannica). È una regione ricca, dove è molto sentito il concetto di libertà personale. È anche una delle zone più interessanti in assoluto per la birra craft del Nord America.

Birra e salute: gli effetti collaterali di un uso consapevole

by Andrea Drudi |12/09/2017 |0 Comments | News

Negli ultimi giorni è rimbalzata su diversi blog birrari (non ultimo quello di Roger Protz) la pubblicazione dei risultati di uno studio dell’Università della California, secondo il quale la birra sarebbe ottima per prevenire le malattie delle ossa. L’effetto dipenderebbe dall’alto contenuto di silicio della bevanda, in grado di ridurre sensibilimente il sorgere di problemi fisiologici come l’osteoporosi. Si tratta certamente di una buona notizia, che va ad alimentare tutta la letteratura impegnata a scovare effetti collaterali – positivi o negativi – nel consumo di birra.

D’altro canto, che la birra sia un ottimo alimento per le ossa non è una novità. Lo scorso agosto apparve sul sito de La Stampa un articolo che rivelava i risultati di una ricerca spagnola, secondo i quali il nostro nettare preferito rappresenterebbe per le donne una sicura protezione alla osteoporosi. Lo studio ha analizzato la densità ossea delle mani di diverse donne, scoprendo che coloro che assumevano regolarmente birra avevano ossa più robuste. Anche in questo caso il silicio è la sostanza determinante, di cui la birra è l’alimento occidentale col più alto tasso di concentrazione. Inoltre, bisogna segnalare anche una forte presenza di fitoestrogeni, che aiutano a mantenere le ossa sane.

E le buone notizie non finiscono qui. Un passato articolo, sempre pubblicato su La Stampa, spiegava come la birra artigianale fosse un ottimo alimento per mantenersi in forma. Il riferimento alle produzioni artigianali è voluto, perché solo queste mantengono intatto il loro valore nutrizionale, a differenza delle birre industriali, che, a causa dei trattamenti produttivi che subiscono, sono bevande “morte”.

Oltre agli effetti benefici sulle ossa, secondo l’articolo in questione la birra artigianale eviterebbe i rischi di malattie coronariche e abbasserebbe il colesterolo nel sangue. Inoltre, la presenza di polifenoli e luppolo ridurrebbe l’attività di enzimi responsabili della formazione delle rughe. Insomma ce n’è per tutti i gusti…

Sfortunatamente non è tutto rose e fiori. In particolare una ricerca canadese (ripresa dal sito della Reuters), ha rivelato che chi beve regolarmente birra o liquori può essere più facilmente soggetto a diversi tipi di tumore. Nel dettaglio:

Alcuni ricercatori dell’Università McGill di Montreal hanno condotto un’indagine su circa 3.600 canadesi tra i 35 e i 70 anni e hanno scoperto che chi ha dichiarato di bere alcolici in media una volta al giorno, ha una probabilità maggiore di ammalarsi di alcuni tipi di cancro — all’esofago, allo stomaco, al colon, al pancreas, al fegato, alla prostata e ai polmoni — rispetto agli astemi e ai bevitori occasionali.

Quanto al tipo di alcolici, gli studiosi hanno scoperto che solo la birra e i super alcolici, e non il vino, sono connessi a un maggiore rischio di tumore.

Concludiamo questa panoramica con una notizia che non riguarda gli effetti collaterali del consumo di birra, ma che lega comunque la bevanda all’argomento “salute”. Nelle scorse settimane l’associazione no-profit di Washington Cascade Regional Blood Service ha promosso una curiosa iniziativa, con l’intento di invogliare nuove persone a donare il sangue. Tutti i venerdì pomeriggio le unità mobili dell’organizzazione si appostano all’uscita di locali e pub, offrendo a coloro che intendono diventare donatori un buono per una birra nei bar limitrofi. Un’idea interessante, che per una volta ci permette di affermare che non è solo il vino rosso a fare buon sangue 🙂 .

 

fonte: cronachedibirra.it